18/12/2006

Anonimi dai capelli castani mordono il cuore con monotono languore

...Sale alla mia stessa stazione e mi piace indovinare quello che pensa..lei quando ha preso il treno sapeva qual'era il capolinea e voleva arrivarci,ha accettato la sfida anche se era da sola e sa di aver fatto bene. Il viaggio però le sembra sempre più lungo e il treno comincia ad annoiarla, quasi la intristisce e ogni volta che il treno si ferma guarda fuori dal finestrino e le viene la tentazione di scendere e si ritova a domandarsi se sta viaggiando per andare o per arrivare...

(Anonimo)
...Una ciocca le cade sulla guancia; il treno si è fermato. Con un leggero soffio scansa i capelli fermi sull'occhio destro, mentre al di là del vetro scorge le sagome degli studenti con il loro vociare spensierato.
Poi silenzio. Il cigolio della porta, i passi svelti di chi cerca da sedere, un fischio. Riparte piano, come un pattinatore sul ghiaccio e sembra chiederti "Resti o scendi?". Ma è un attimo, e già lontana, fermo al capolinea, ti vedo andare e mai arrivare...
Obbligato
(S.)

3 comments:

Anonymous said...

Chiii???

(che poi è inutile che cerchi di cojonarci tutti, sono anni che non prendi più il treno.)

(t.v.b.)

Teo said...

Ma come hai fatto a vederla?! L'ho vista ankio...

Vecchio a ca a no mia magnà...

Ciao

Moratz said...

Allora l'hai vista pure tu l'Eleosvizzera in treno!

Come va all'universita?